Categoria: Agricoltura

Ripuntatura

In cosa consiste la ripuntatura terreno Roma: è buona norma effettuare la ripuntatura del terreno come azione preparatoria prima di nuovi impianti di coltura. Spesso le varie lavorazioni del terreno, con l’uso delle diverse macchine agricole pesanti, rendono il terreno compatto. Su tale terreno diventa difficile per le radici crescere liberamente oppure permettere all’acqua e nutrienti vari di penetrare nel suolo.

La ripuntatura  consente di ripristinare al meglio le caratteristiche naturali del suolo. La rippatura serve a disossare gli strati di suolo che sono stati compattati. Questo tipo di intervento richiede l’uso di un ripuntatore che sia in grado di penetrare nel terreno e di tagliarlo senza rovesciarlo.

Per il servizio di Rippatura terreno a Roma puoi contare su 100Mani srl, azienda leader nelle lavorazioni agricole.

100Mani srl è una ditta specializzata nella lavorazione dei terreni agricoli. Hai eseguito l’aratura del tuo terreno? Bene, è probabile che ora abbia bisogno di un intervento di rippatura.

Come va eseguita la ripuntatura terreno agricolo?

L’operazione di rippatura terreno necessita di un attrezzo discissore chiamato Ripper. Questo macchinario consente di effettuare nel terreno dei tagli verticali in profondità che possono arrivare anche fino a un metro in casi eccezionali, ad esempio nei terreni particolarmente duri e tenaci, o eccessivamente danneggiati. Sono tuttavia interventi straordinari, la profondità di taglio standard o comunemente usata è pari ai 50 cm.

Nella rippatura gli strati del terreno non vengono rimescolati come avviene nella fresatura ad esempio. Il ripper (discissore) riesce a creare dei tagli nel suolo ma senza stravolgerlo o alterarne il suo profilo.

Il ripper, per poter eseguire il taglio, fra le sue varie componenti è dotato di lunghi e grossi coltelli di metallo con un’inclinazione leggera in avanti. Negli ultimi modelli in commercio, una variante di questo attrezzo agricolo consente la vibrazione dei coltelli, in modo che possano muovere il terreno.

In cosa consiste l’operazione di ripuntatura terreno

Come già detto il ripper esegue dei tagli in verticale e, una volta fatto il lavoro, si notano solo il solchi lasciati dal coltello del ripuntatore. Però, potendo visionare gli strati inferiori, ossia a circa 40-60 cm sottoterra, potremo notare che in superficie il terreno non è stato smosso, ma solo tagliato; in profondità, invece, il suolo è stato smosso. Il terreno risulta, quindi, arieggiato: ora è pronto per accogliere una nuova coltura.

La rippatura del terreno è una pratica agricola importante che viene eseguita per preparare il terreno per la semina o la coltivazione. Questo processo coinvolge l’uso di attrezzature specializzate per rompere e rivoltare il terreno, migliorando la sua struttura e facilitando l’assorbimento dell’acqua e dei nutrienti da parte delle piante. In questo articolo, esploreremo l’importanza della rippatura del terreno e come questa pratica contribuisca a massimizzare il rendimento delle colture.

  1. ripuntatura terreno Rompere la compattazione del terreno: Uno dei principali obiettivi della rippatura del terreno è rompere la compattazione del suolo. Nel corso del tempo, il terreno può diventare compatto a causa di fattori come il calpestio, le attività agricole ripetute e le condizioni climatiche avverse. La compattazione del terreno limita la circolazione dell’aria e la penetrazione dell’acqua, ostacolando la crescita delle radici delle piante. La rippatura del terreno aiuta a rompere questa compattazione, migliorando la struttura del suolo e favorendo una crescita sana delle radici.
  2. Migliorare il drenaggio e la ritenzione dell’acqua: La rippatura del terreno favorisce il miglioramento del drenaggio e della ritenzione dell’acqua nel suolo. Attraverso la creazione di solchi o scanalature nel terreno, l’acqua può defluire più facilmente, evitando l’accumulo eccessivo che potrebbe causare danni alle radici delle piante. Allo stesso tempo, la rippatura del terreno aiuta anche a trattenere l’acqua nel suolo, consentendo alle piante di accedere all’umidità di cui hanno bisogno durante periodi di siccità.
  3. Favorire la penetrazione delle radici e dei nutrienti: La rippatura del terreno crea un ambiente favorevole per la crescita delle radici delle piante. Rompendo il terreno e rivoltandolo, si creano spazi e aperture che facilitano la penetrazione delle radici nel suolo. Ciò permette alle radici di raggiungere strati più profondi e di accedere a una maggiore quantità di nutrienti e acqua. L’aumento della disponibilità di nutrienti contribuisce a una migliore salute e crescita delle piante.
  4. Preparare il terreno per la semina e la coltivazione: La rippatura del terreno è un passo cruciale nella preparazione del terreno per la semina o la coltivazione. Dopo aver rippato il terreno, il suolo risulta più morbido e friabile, rendendolo più adatto alla semina dei semi o al trapianto delle piantine. Inoltre, la rippatura del terreno consente una migliore miscelazione dei fertilizzanti e degli emendamenti del suolo, assicurando una distribuzione uniforme dei nutrienti nel terreno.
  5. Riduzione dei danni da parassiti e malattie: La rippatura del terreno può anche contribuire a ridurre i danni da parassiti e malattie. Rompendo il terreno e rivoltandolo, si interrompono i cicli di vita di molti insetti nocivi e patogeni che possono danneggiare le colture. Inoltre, la migliore circolazione dell’aria e il drenaggio migliorato aiutano a creare un ambiente meno favorevole per l’insediamento e la proliferazione di parassiti e malattie.

Profondità della rippatura

Ripuntatura per colture arboree: profondità di taglio fino a 1 metro.

  • Frutti minori
  • Agrumi
  • Piante forestali
  • Piccoli frutti
  • Frutti tropicali

Le colture arboree si possono suddividere in 5 categorie. Sotto a ognuna si raggruppano i singoli alberi da frutto o le singole piante.

Ripuntatura per colture erbacee: profondità del taglio 40-60 cm colture da semi.

  • Colture pascolo
  • Piante industriali
  • Foraggere
  • Orticole
  • Piante officinali
  • Piante da fiore

Contattaci gratuitamente

Ripuntatura terreno Roma: dove interveniamo

Scopri tutte le zone di Roma dove possiamo intervenire con i nostri servizi professionali: contattaci gratuitamente, raggiungiamo ogni zona della provincia.

La rippatura del terreno è una pratica agricola essenziale che favorisce una migliore struttura del suolo, migliorando il drenaggio, la ritenzione dell’acqua e la penetrazione delle radici delle piante. Questo processo preparatorio è fondamentale per ottimizzare il rendimento delle colture e ridurre i danni causati da parassiti e malattie. Gli agricoltori consapevoli dell’importanza della rippatura del terreno integrano questa pratica nei loro programmi di gestione agricola, promuovendo una crescita sana delle piante e un’efficienza complessiva della coltivazione.

Roma Nord

Roma Centro

Roma Sud

Roma Est

Roma Ovest

Provincia di Roma

Litorale Romano

Castelli Romani

caso - Orzo

Se possiedi appezzamenti di terra alle porte di Roma e vuoi intraprendere la strada della semina dei cereali ti conviene affidarti a un’azienda specializzata che abbia mezzi ed esperienza per farlo.

I cereali fanno parte del patrimonio di conoscenze colturali della nostra terra da sempre: avena, miglio, riso, orzo e soprattutto grano sono le specie più coltivate, le cui proprietà nutrienti sono conosciute e apprezzate da sempre.

100Mani srl è azienda leader nelle Lavorazioni agricole: puoi rivolgerti a noi per qualsiasi tipo di servizio in campo agricolo: riceverai un servizio professionale a prezzi concorrenziali.

Semenze biologiche

Pasta, pane e derivati fanno parte della nostra alimentazione e sono il fiore all’occhiello delle nostre tavole, dotati di proprietà organolettiche che caratterizzano la dieta mediterranea per ricchezza di amido e scarso contenuto lipidico. La coltivazione dei cereali, dalla semina al raccolto, non necessita di particolari condizioni climatiche e può essere effettuata anche su piccoli appezzamenti.

I cereali sono piante annuali a ciclo di vita breve. Vengono seminate stagionalmente, tramite la seminatrice; il seme poi germoglia dopo un numero variabile di settimane, e segue un periodo di accrescimento che porta alla fioritura e alla maturazione della spiga; segue la raccolta per falciatura con la conseguente immissione nel mercato tramite le apposite strutture commerciali: piazzale, silos, mulino.

Alcune specie di cereali, come orzo e segale, sopportano meglio i climi freddi e possono essere coltivati in zone montuose o in località più esposte alle escursioni termiche, mentre altri cereali come segale, il frumento, l’avena e il farro sono i cereali dal clima caldo, e prediligono un clima più mite.

agricoltura - Ritaglia

Se il riso per arrivare a maturazione necessita di campi opportunamente allagati e il sorgo riesce a crescere e adattarsi ai climi più aridi, quasi tutti gli altri cereali non hanno particolari esigenze e si adattano in media ai climi temperati. Le varietà invernali vengono seminate in autunno e, dopo la quiescenza dei mesi più freddi, riprendono a vegetare in primavera concludendo la maturazione intorno a giugno-luglio, periodo in cui vengono raccolti.

Esistono varietà che vengono piantate nel periodo caldo e richiedono maggiori apporti idrici; sono meno produttive delle specie autunnali e, a causa della quantità di irrigazione di cui necessitano, vanno incontro a maggiori spese di produzione. Il fattore che però induce alla scelta del tipo di cultivar è sempre quello pedoclimatico. Fattori come il tipo di terreno, tessitura e qualità sono fondamentali.

Semina grano Roma: per le tue coltivazioni puoi rivolgerti a 100 Mani, azienda leader nel settore, che conosce e applica tutte le tecniche di semina più all’avanguardia. Il personale è altamente specializzato e svolge ogni mansione con professionalità e in tutta sicurezza.

Seminare il grano a Roma

La semina del grano, e dei cereali in genere, è una delle attività più antiche. In una città come Roma, dove il verde è particolarmente diffuso, seminare il grano può diventare un’attività estremamente redditizia. Chiedi informazioni e contattaci per un preventivo gratuito: lascia lavorare una ditta specializzata e non avrai brutte sorprese.

Contattaci gratuitamente

Semina cereali: dove interveniamo

Scopri tutte le zone di Roma dove possiamo intervenire con i nostri servizi professionali: contattaci gratuitamente, raggiungiamo ogni zona della provincia.

Roma Nord

Roma Centro

Roma Sud

Roma Est

Roma Ovest

Provincia di Roma

Litorale Romano

Castelli Romani

L’ aratura terreno e trebbiatura sono due interventi importantissimi all’interno del servizio di Lavorazioni agricole di 100Mani srl.

Il team esperto di operatori specializzati proprio in servizi agricoli sarà in grado di aiutarti a svolgere tutte le operazioni che deciderai di intraprendere sul tuo terreno agricolo: mettici alla prova, chiamaci senza impegno al numero verde e ti renderai conto dell’ampia gamma di servizi che siamo in grado di offrirti.

Aratura terreno e trebbiatura, in particolare, sono operazioni delicate che devono essere effettuate da un’azienda specializzata, che possieda i macchinari adatti e che sappia lavorare in tutta sicurezza, offrendo un servizio impeccabile.

100 Mani per l’ aratura terreno

Aratura terreno e trebbiatura sono operazioni che si prestano nella coltura dei cereali, ma è sempre meglio non improvvisarsi con il fai da te. Infatti gli attrezzi agricoli utilizzati per queste operazioni, trattore e mietitrebbiatrici, sono grosse e potenti macchine che hanno bisogno di una idoneità apposita per essere condotte, oltre che di attestato di frequenza a un corso per la sicurezza sul lavoro. Il trattore con i suoi strumenti di lavorazione va poi sottoposto a corretta manutenzione e rimessaggio.

Inoltre gli spostamenti su strada, quantomeno per quanto riguarda la mietitrebbiatrice e soprattutto se questa non porta la barra di falce a carrello, necessitano di macchina apripista con segnalatori.

Sia il trattore che serve per le operazioni di aratura invernale, cioè di preparazione del letto di semina, che la mietitrebbiatrice possono essere causa anche di gravi incidenti se non utilizzati con perizia, sia su strada che sul terreno. E se questo è scosceso o comunque non in piano, i macchinari devono essere autolivellanti per non essere soggetti a ribaltamento.

Sistemi di aratura terreno

Sistemi di aratura
aratura tecniche

Il terreno deve essere preparato con cura con apposite operazioni che servono a rompere il terreno compatto e a portare in superficie gli strati sottostanti che si sono formati con le precedenti coltivazioni o quando semplicemente il terreno è rimasto incolto. L’attrezzo utilizzato per questa operazione è l’aratro, che è formato da una sbarra a cui sono fissati gli organi lavoranti e che prende il nome di “bure“.

Il versoio è la lastra ricurva che taglia e solleva la fetta di terra facendola poi ricadere lateralmente, letteralmente rovesciata. Anteriormente al versoio c’è il coltro che è un robusto coltello (quello che propriamente taglia il terreno) che affonda per una trentina di centimetri e lo lascia al vomere, che affonda in profondità tagliando la parte lasciata dal coltro.

L’aratro viene attaccato alla   della macchina trattrice. In pianura vengono adottati tutte le tecniche di aratura a colmarearatura a scolmare e l’aratura alla pari, dove le zolle vengono rispettivamente rovesciate verso l’interno del campo e verso lo stesso lato del campo. Questi sistemi per arare il terreno richiedono un aratro speciale chiamato “voltaorecchio” dotato di due file di vomeri sullo stesso asse.

Si traccia il primo solco sulla lunghezza del campo a partire dal suo bordo, facendo ruotare il bure; una fila di vomeri va a terra mentre si traccia un secondo solco parallelo al primo.

Arrivati in fondo al campo si voltano di nuovo gli orecchi mentre si traccia un terzo solco parallelo al secondo, e si procede così fino a coprire tutta l’estensione e la terra viene rivoltata sempre dalla stessa parte. Invece con piccole pendenze si ricorre a l’aratura a ritocchino e quando le inclinazioni diventano importanti si adotta il sistema cosiddetto in quota o per traverso. I terreni in pendenza, come quelli collinari, sono disposti secondo curve di livello.

Aratura terreno collinare

L’aratura campi va eseguita parallelamente alle linee di massima pendenza e versando le zolle sempre dallo stesso lato. Secondo i nuovi orientamenti di coltivazione, le arature non devono mai essere profonde ma limitarsi a uno scasso del terreno di circa 30 centimetri, che consente il giusto interramento dei residui vegetali; mentre l’aratura profonda di terreni mai coltivati, soprattutto se operata nei periodi caldi, favorirebbe i processi di ossidazione delle riserve organiche del terreno, oltre a costituire un costo piuttosto oneroso.

Aratura tecniche

aratura terreno
aratura terreno

L’aratura è un’attività agricola fondamentale per preparare il terreno alla semina. Esistono diversi metodi di aratura che possono essere utilizzati in base alle caratteristiche del terreno, alla coltura da seminare e alle attrezzature agricole a disposizione.

Il primo metodo di aratura da considerare è quello tradizionale, che prevede l’utilizzo di una sorta di aratro trainato da animali o da un trattore. Questo metodo prevede la rimozione di uno strato di terreno e la sua capovoluzione, in modo da esporre alla luce i nutrienti presenti nelle parti più profonde del suolo. Questo metodo richiede molta forza lavoro e può danneggiare il terreno se non viene eseguito correttamente.

Un’altra opzione è l’aratura a disco, che utilizza una macchina a dischi rotanti per smuovere il terreno. Questo metodo è più veloce e meno faticoso del precedente, ma richiede comunque una certa esperienza e cura per evitare di danneggiare il terreno.

L’aratura con un coltivatore a denti è un’altra tecnica che prevede l’utilizzo di una macchina agricola per smuovere il terreno. Questo metodo è particolarmente utile per la preparazione del terreno per le colture orticole e da frutto, in quanto permette di lavorare il terreno in modo molto preciso, senza danneggiare le radici delle piante.

L’aratura a vangatrice è un altro metodo che prevede l’utilizzo di una macchina agricola. Questo tipo di aratura si distingue per la forma delle vanghe che permettono di lavorare il terreno in profondità, mantenendolo in superficie per la semina. Questo metodo è particolarmente adatto per i terreni argillosi o pesanti, in quanto permette di migliorare la struttura del terreno e di drenare l’acqua in eccesso.

Infine, l’aratura con la tecnica del no-till è un metodo che prevede la semina diretta senza aratura. Questo metodo si basa sulla conservazione del terreno e della sua biodiversità, evitando di disturbare la sua struttura naturale. Questo metodo è particolarmente adatto per i terreni già coltivati o per le colture di copertura, in quanto permette di mantenere il terreno in salute e di ridurre i costi di produzione.

La mietitura del grano

Quando il grano è arrivato a maturazione, quando la spiga è piena e dorata, il prodotto va raccolto e separato dalla paglia, operazione che oggi si effettua con una macchina che fa le due operazioni contemporaneamente: mietitura e trebbiatura.

La raccolta deve infatti avvenire più rapidamente possibile per evitare perdite dovute a fattori climatici, ambientali ma anche fisiologici.

A eccezione del mais, il prodotto deve essere raccolto quando è molto asciutto, perché l’umidità ostacola il movimento delle parti convogliartici della macchina e determina perdita di prodotto; oltre al fatto che un alto grado di umidità non viene ritenuto una caratteristica di qualità per il prodotto stesso.

Mietitura e trebbiatura del grano
mietitura del grano

Macchinari per la mietitura del grano

Le mietitrebbiatrici possono essere semoventi, autolivellanti o normali, trainate o portate, e a seconda degli organi di propulsione si distinguono in semicingolate o a cingoli o, più comunemente, a ruote.

La macchina semovente è il modello più diffuso. Si tratta di una macchina molto sofisticata, dotata di motore proprio di varia potenza che può circolare su strada. Alcuni organi come i vagli e gli scuotipaglia lavorano in orizzontale, consentendo un miglior raccolto.

Le semoventi sono in genere dotate di impianto idraulico autolivellante e, in questo caso, la barra di taglio opera sempre parallelamente al terreno per ottenere una mietitura uniforme. Segnalatori acustici e visivi avvisano l’operatore quando i vagli e gli scuotipaglia non lavorando in perfette condizioni e hanno perdite di prodotto.

La mietitrebbiatrice è una macchina in grado di eseguire contemporaneamente l’intero ciclo di lavoro, dal taglio delle spighe fino alla trebbiatura e all’immagazzinamento temporaneo delle cariossidi. Necessita però di una grande perizia nella conduzione, di opportuna manutenzione e rimessaggio. Per tutte queste operazioni puoi risparmiare e affidarti con tranquillità a un’azienda specializzata come 100 Mani!

Contattaci gratuitamente

Aratura del terreno: dove interveniamo

Scopri tutte le zone di Roma dove possiamo intervenire con i nostri servizi professionali di aratura terreni: contattaci gratuitamente, raggiungiamo ogni zona della provincia.

Roma Nord

Roma Centro

Roma Sud

Roma Est

Roma Ovest

Provincia di Roma